I Ladini, il popolo delle Dolomiti che va tutelato

di ItalianTravellers
0 commento

Nel nostro tour in Trentino Alto-Adige abbiamo conosciuto un territorio ed un popolo unico al mondo!

Gentilezza, passione il per lavoro, altruismo e grande forza d’animo sono le caratteristiche che abbiamo trovato in questi splendidi luoghi che ci sono rimasti nel cuore e che speriamo un giorno di poter rivisitare!

Qui di seguito vogliamo descrivere un po’ la nostra esperienza anche se, se non la si vive, non è possibile rendersene conto al 100%, quindi il nostro consiglio accorato è di almeno una volta nella vita fare un viaggio in questa parte dell’Italia!

Val Gardena Italian Travellers

Val Gardena Italian Travellers


Le origini

Nelle Dolomiti vivono circa 30.000 Ladini.

Questa minoranza linguistica è insediata nelle valli che circondano l’imponente massiccio del Sella: la Val Badia, la Val Gardena (Gherdëina), la Val di Fassa (Fascia), Livinallongo (Fodom) e Cortina d’Ampezzo (Ampëz).

Ortisei Val Gardena Italian Travellers

Ortisei Val Gardena Italian Travellers

La lingua ladina è nata dalla romanizzazione delle Alpi avvenuta nel 15 a.C.

Le popolazioni che abitavano le Alpi prima della conquista romana, definite comunemente come “Reti“, avevano sviluppato una considerevole civiltà già dal V sec. a.C.

Questa popolazione alpina assunse la lingua latina, che con il passare delle generazioni si trasformò in “ladino” (retoromancio).

Vigo e Pozza di Fassa Val di Fassa Italian Travellers

Vigo e Pozza di Fassa Val di Fassa Italian Travellers

Il ladino è una lingua a sé e non un dialetto italiano.

Sebbene innumerevoli ricerche scientifiche confermino questa teoria, sebbene anche personalità conosciute (come Pier Paolo Pasolini) abbiano manifestato questa opinione, essa non si è ancora imposta ovunque.


Una grande ingiustizia durante il Fascismo

La più importante delle misure del Fascismo per l’assimilazione dei Ladini è stata mantenuta fino ad oggi: negli anni ‘20 il Fascismo, al fine dichiarato di una rapida assimilazione, divise i Ladini, che sotto il Tirolo asburgico erano rimasti insieme per quattro secoli, in due diverse regioni ed in tre diverse province.

Cortina e Fodom (Livinallongo) con Colle di Santa Lucia (Col de Santa Lìzia) appartengono oggi alla provincia di Belluno (regione Veneto), Fassa (Fascia) alla provincia di Trento (regione Trentino-Alto Adige) e Gardena (Gherdëina) e Badia appartengono alla provincia di Bolzano (regione Trentino-Alto Adige).

Belvedere Val di Fassa Italian Travellers

Belvedere Val di Fassa Italian Travellers

Questa frammentazione della minoranza ladina non è stata revocata da alcuna amministrazione statale o regionale, inoltre i confini provinciali sono oggi molto più impenetrabili di allora.

I Ladini non beneficiano di forme di autoamministrazione che superino la consueta amministrazione comunale (solo i Ladini di Fassa hanno una Comunità di Valle autonoma).


La tutela nella scuola

Nelle tre province in cui vivono i Ladini vi sono diversi livelli di tutela della minoranza.  In provincia di Trento la situazione è migliorata fortemente negli ultimi anni e la lingua ladina viene insegnata perfino a scuola.

Corvara Alta Badia Italian Travellers

Corvara Alta Badia Italian Travellers


Il popolo ladino è ricco di tradizioni e cultura, che viene celebrata grazie all’istituzione di musei ladini che raccolgono tutta la loro storia.

Uno dei più importanti si trova a Vigo di Fassa, vicino all’Istituto Culturale Ladino, ricco di reperti e minuzioso nell’esposizione, vale assolutamente la pena visitare se si va in Val di Fassa.

Il nostro augurio è che siano tutelati sempre di più i diritti di questa minoranza che merita veramente di essere protetta perché fortemente a rischio di estinzione!

 

 

 

 

 

 

Potrebbe anche piacerti

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi disattivarlo se lo desideri. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy