Travel Blog

Roccascalegna

Di il 27 aprile 2018

La Storia

Fu costruito verso l’XI-XII secolo quando fu ampliata una semplice torretta da guardia di origine longobarda.

La prima menzione del castello risale al 1525 quando si narra di restauri del castello stesso. Nel XVI secolo le mura risultano riedificate più alte delle precedenti ma senza merlature.

Durante la signoria degli Annecchino vennero rafforzate le torri esistenti e ne venne aggiunta una di forma circolare.

Tuttavia gli interventi maggiori vennero realizzati durante la baronia dei Carafa, baronia che durò nel paese tra il 1531 ed il 1600: venne eretta nel 1577 la cappella del Santissimo Rosario e venne migliorato l’approvvigionamento di acqua piovana.

Durante la signoria successiva dei Corvi, che durò tra il 1600 ed il 1717, si videro altri interventi, in particolare dopo il 1705 quando si distrusse il ponte levatoio e vennero edificati la garitta dell’ingresso ed il muro di protezione della rampa d’accesso, ristrutturazione annotata in un documento notarile.

Negli anni successivi il castello, dopo anni di abbandono, vede vari crolli tra cui nel 1940 quello della “Torre del Cuore” (così chiamata per lo stemma sulla porta principale).

Nel 1985 gli ultimi proprietari, i Croce Nanni, donarono il castello al comune che ne decise il restauro partito negli anni novanta del XX secolo e terminato nel 1996.

La Leggenda

Una leggenda del castello riguarda l’applicazione della norma del cosiddetto Jus primæ noctis: secondo questa leggenda il barone del castello, Corvo de Corvis, nel 1646 pretese di far valere questa norma, che obbligava tutte le donne del paese a passare la prima notte di nozze con lui anziché con il consorte appena sposato. La leggenda narra che l’ultima sposa novella, o il legittimo consorte travestito con le sue vesti, salito alla rocca per la consumazione prevista, abbia invece accoltellato il barone; sembra inoltre che quest’ultimo, mentre moriva, abbia anche lasciato su una roccia l’impronta indelebile della sua mano insanguinata.


La Chiesa di San Pietro

Alcune fonti della chiesa risalgono 1568, ma analizzando lo stile architettonico, la chiesa risulta antecedente, dato che l’abside risulta leggermente ruotato rispetto all’asse centrale della chiesa struttura riconducibile alla reclinatio capitis tipica del medioevo e su di un arco del presbiterioè incisa la data del 1461 e fino al ‘600 vi potrebbe essere collocato una seconda serie di lavori di costruzione.

Sul campanile è scolpita la data 1805 che potrebbe ricondurre alla data di costruzione del medesimo o ad una data di restauro epoca in cui la chiesa finì di essere utilizzata come luogo di sepoltura (poi venne costruito un cimitero ove vennero tumulate le salme all’interno della chiesa).

TAGS
POST CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Maila e Francesco
Viterbo, Italy

Adorano Viaggiare e raccontare dei luoghi dove vanno. Con semplicità e ironia, vi porteranno insieme a loro per scoprire le bellezze dell'Italia e non solo!

Social