Terni, la città degli Innamorati

di ItalianTravellers
0 commento

Terni (Interamna Nahars in latino) è il quarantunesimo comune italiano per popolazione e il settimo dell’Italia Centrale, secondo comune della regione Umbria per popolazione e il nono per superficie.

È una città ad elevato tasso di sviluppo industriale sin dal XIX secolo, quando ricoprì un ruolo da protagonista nella seconda rivoluzione industriale, parallelamente alla costruzione delle acciaierie. Per la sua importanza ha subìto pesanti bombardamenti nel corso della seconda guerra mondiale da parte degli Alleati che, però, non le hanno impedito di rimanere tuttora uno dei fulcri dell’economia umbra ed italiana. Per questo motivo è soprannominata “La Città d’Acciaio” e la “Manchester italiana”.

Oggi, nel XXI secolo, Terni è una città completamente rinnovata e a misura d’uomo con un importante centro storico, economico, sociale e naturalistico. Alle vastissime zone industriali, infatti, si alternano paesaggi verdi (in primis la cascata delle Marmore), testimonianze di resti romani, medievali e di archeologia industriale.

È conosciuta in tutto il mondo come Città degli Innamorati in quanto il suo patrono, san Valentino, vi nacque e divenne vescovo; le spoglie del santo sono custodite presso l’omonima basilica.


Perchè la città degli Innamorati?

La chiamano la città degli Innamorati per la presenza delle spoglie di San Valentino, che ne fu vescovo, ma il soprannome potrebbe essere giustificato anche dal romanticismo di alcuni scorci, dalla suggestione di certe piazze e dall’eleganza dei palazzi signorili, da ammirare durante una passeggiata mano nella mano. con il vostro compagno.


La Nuova Biblioteca Comunale

Ex sede municipale, il cui impianto, risalente alla fine dell’800, si deve all’architetto Faustini, situato nella centrale Piazza della Repubblica, ora è la Biblioteca Comunale della città di Terni.

Il progetto architettonico redatto dagli architetti Valter Ballerini e Valter Tocchi ha completamente reinterpretato l’edificio del Faustini, eliminando tramezzature che lo vincolavano a precedenti destinazioni; ha ripristinato l’impianto spaziale iniziale della sala gotica al pianterreno; ha previsto restauri che hanno riguardato l’ottocentesca Sala Farini, le cornici e i marcapiani delle facciate e tutte le decorazioni pittoriche rinvenute; ha previsto un nuovo piano attico e la ricostruzione della torre.

La torre, completamente svincolata dalle murature, è autoportante. La struttura realizzata in acciaio (presso un’officina locale) è stata assemblata in opera utilizzando una gru di grandi dimensioni.


Palazzo Spada

Il palazzo Spada, fatto costruire nel 1555 dal conte di Collescipoli Michelangelo Spada e la sua famiglia, cameriere segreto di papa Giulio III, fu progettato da Antonio da Sangallo il Giovane ed è ora sede del comune di Terni. L’edificio è costituito da due piani con grandi finestre alternati a mezzanini, un alto portale e un decorato cornicione.


Il Duomo

L’attuale cattedrale è il risultato di una serie di costruzioni ed interventi che si sono succeduti nel corso dei secoli. La tradizione locale racconta che la prima cattedrale, corrispondente alla cripta, fu fatta edificare, su resti di un tempio pagano romano, dal santo vescovo ternano Anastasio, nel VI secolo.

L’innalzamento della navata centrale, il rifacimento della tribuna e del campanile, l’edificazione del fonte battesimale e delle cappelle laterali, e soprattutto la sistemazione definitiva in chiave barocca della cattedrale e della piazza antistante furono fatti su progetti di Gian Lorenzo Bernini (XVII secolo).


L’Anfiteatro Fausto

L’Anfiteatro Fausto o in latino, Amphitheatrum Faustus è l’anfiteatro situato nel centro storico di Terni, all’epoca chiamataInteramna Nahars. Inoltre è il principale e meglio mantenuto monumento archeologico di epoca romana della città. Oggetto di numerosi interventi di recupero fin dagli anni settanta, poteva contenere 10.000 spettatori.

Risulta essere più antico del Colosseo di Roma, in quanto venne edificato in epoca Giulio-Claudia sotto l’imperatore Tiberio, approssimativamente nel 30 o 32 d.C..

Oggi l’Anfiteatro romano è utilizzato durante la stagione estiva come sede di spettacoli dal vivo e come cinema all’aperto, oltre ad essere oggetto di visite per la propria rilevanza storica.

Sono in corso dei lavori per la ristrutturazione e conservazione del monumento.


Palazzo Bazzani – Palazzo delle Poste

Dagli anni venti svetta nel centro della città conferendo a Terni, città dall’urbanistica ferita dalla Grande Guerra, un respiro di storicità andato perduto come molti altri siti che erano disseminati nel territorio prima dei tragici bombardamenti.
Ex Palazzo delle Poste, promuove al suo interno mostre e spazi di rassegne culturali.


Palazzina Alterocca e particolarità Liberty a Terni

Oggi sede del Monte dei Paschi di Siena, la palazzina (1901-1903) fu progettata dall’architetto Cesare Bazzani per l’imprenditore ternano Virgilio Alterocca (noto per aver diffuso in Italia l’uso della cartolina illustrata).
La palazzina presenta un linguaggio liberty estraneo ai successivi progetti dell’architetto.


Potrebbe anche piacerti

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Daremo per scontato che tu sia d'accordo, ma puoi disattivarlo se lo desideri. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy